Da oltre tre anni possiedo un jump box. E’ un grosso parallelepipedo di legno,portato alla ribalta dal CrossFit per l’allenamento esplosivo delle gambe. Niente di stratosferico:ci devi saltare su a piedi uniti,e…risaltare giù. E dove sarebbe la difficoltà,direte voi??? PROPRIO NEL DOVERCI SALTARE SU!!!
Ricordo ancora la felicità nello scartare lo scatolone del mio cubo nuovo fiammante,vedermelo montare e…trovarmelo davanti pronto all’uso. Dopo aver visionato video galvanizzanti di top atlete CrossFit che ci”zompavano” su a ripetizione con tutta naturalezza,pensavo che anche per me,plurimaratoneta,istruttrice da sei ore lavorative al giorno di media ,fosse una bazzecola…E INVECE…..BLOCCO TOTALE. Niente,nisba,black out.

Caricavo per saltare,e …zac!!! La mente calava la ghigliottina del “non posso”,e lo slancio preso si trasformava in un patetico zompetto abortito. Ho provato a farmi dare la mano,il dito,da mio marito o da chi presente vicino a me al momento. In modo orripilante,sgangherato riuscivo pure a saltare/issarmi sul mostrojump,ma da lì a farlo DA SOLA,magari pure con grazia,c’era il Canale della Manica.
Di solito sono testarda e lavoro sulle sfide,ma,forse trovandomi in un periodo di accentuata lassità mentale,forse non avendo necessità vitale di lavorare sulla cosa,neanche a scopi professionali,ho lasciato perdere. E addirittura il mio jump box,praticamente inutilizzato,è stato parcheggiato nella cantina della casa dei nonni,nel cuore della Ciociaria. Lontano. Dagli occhi e dall’amor proprio.
POI, UN GIORNO, mi sono trovata ad allenarmi con professionisti o quasi del CrossFit. Non sono un tipino orgoglioso a sproposito,e ho confessato al trainer il mio essere pippa totale nel salto sul cubo. Non mi ha mollata più,e sono uscita da quella sessione di training in grado di SALTARE DA SOLA su tre step,uno sull’altro. E’ un’altezza di un pelo inferiore a quella del VERO box. Tre giorni dopo,mi sono trovata davanti un box nero,sfidante,ammiccante,che mi stava lì,canzonatorio,ai piedi. Stavolta ho raccolto la sfida. Ho scaldato le gambe con un bel po’ di step ups,ho dapprima richiesto l’aiuto-manina dell’istruttore presente in sala,… E POI….JUMP!!!! Su e giù,per una,due,…50 VOLTE!!!!!! Ce l’ho fatta!!
Orgoglio smisurato,e la forza che viene dalla consapevolezza di aver superato un blocco mentale,un limite interno. Ho filmato l’evento,”fermando” su video i primi dei migliaia di box jump che farò d’ora in avanti,anche nel cuore della Ciociaria…..L

Condividi con gli amici questo articolo

Leave a Comment